Petto di tacchino farcito “Vecchia Milano”

A volte è strano come vengono in mente certe idee…la scorsa settimana, per esempio, stavo cercando una ricetta carina che avesse il sapore delle feste da cucinare per il pranzo della domenica, ma non trovavo niente che mi ispirasse. Mentre scartabellavo i miei libri di cucina alla tv hanno fatto vedere Sarkozy (non so voi, ma io proprio non lo sopporto); aveva una giacca tutta striminzita per mettere in evidenza il fisico che non ha. Ho pensato che è un gran pallone gonfiato e poi…paf!!! per magia mi è venuta l’idea: faccio il tacchino ripieno!!! E così è stato.

 La ricetta proviene da un vecchio quaderno che tengo da quando ero
bambina e in cui appunto i piatti che ho “sperimentato” e
che mi sono piaciuti particolarmente. La ricetta di oggi porta il titolo
“Petto di Tacchino Farcito Vecchia Milano”, non chiedetemi il perchè,
non lo ricordo, a giudicare dalla calligrafia acerba l’ho scritta almeno
una ventina di anni fa!! Sicuramente l’avrò scovata su qualche rivista
di mia mamma.



Ingredienti:
900 gr di petto di tacchino
100 gr di mele
100 gr di pere
60 gr di prugne
40 gr di gherigli di noci
40 gr di pancetta
1/2 bicchiere di brandy
20 gr di burro
1 bicchiere di vino bianco secco
100 gr di farina 00
1 rametto di rosmarino
sale e pepe


Procedimento:
Tagliare la pera, la mela e
le prugne a pezzettini. Aggiungete i gherigli di noce e la pancetta a
fettine. Condite con il brandy e amalgamate bene. Prendete il tacchino e
praticate un’incisione in modo da formare una sacca.  Riempite con il composto, legate il tutto come un arrosto, salate e pepate. Mettete la carne in una teglia con burro e rosmarino e cuocete in forno già caldo a 180° per circa 75 minuti. Di tanto in tanto bagnate la carne con il sugo di cottura in modo che rimanga morbida.
A
fine cottura togliete il tacchino dalla teglia, cospargete il fondo di
cottura con la farina e bagnate con il vino bianco. Lasciate evaporare,
poi versate 1/2 bicchiere di acqua e fate bollire il sugo per 2 minuti.
Affettate il tacchino e condite con il sugo di cottura.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *