Pancakes alle zucchine con salsa di yogurt

Mi stavo chiedendo: ma chi è stato ad
inventare Peppa Pig? Un genio, un sadico o un criminale???
Ebbene si, sono anche io fra i
tantissimi genitori preoccupati per la Peppa Pig-dipendenza dei
figli.
E’ una vera ossessione “Peppa ha
detto..”, “Peppa ha fatto..” Peppa, Peppa, Peppa…
Che poi la danno a qualsiasi ora del
giorno e della notte, come accendi la tv te la trovi lì davanti!
Mi chiedo anche: ma non potevano
trovarle un divertimento migliore di saltare nelle pozzanghere di
fango che, quando piove, mio figlio si riempie di mota fino al
collo!!!
L’altro giorno mi ha detto: “Mamma,
mi fai le frittelle come quelle di Peppa??”
PANICO
Le frittelle di Peppa????
Sono mesi che guardiamo a raffica
sempre gli stessi episodi, ma io le frittelle prorpio non le avevo
presenti.
“Si daiii, quelle con losciroppo
sopra!”
Ed è così che ho scoperto che Peppa
mangia i pancakes.
Poteva mangiare che so l’insalata o il
minestrone?!??!!
Così gli ho preparato i pancakes….
ma salati e con le zucchine dentro. E al posto dello sciroppo d’acero
ho abbinato una salsina fatta con lo yogurt.

“Sono verdi!” mi ha detto quando li
ha visti, però poi li ha mangiati e gli sono pure piaciuti!

 
Pancakes salati alle
zucchine e patate
Ingredienti
per circa 20 frittelle
250 gr di farina
5 uova
2 cucchiai d’olio
7,5 dl di latte
3 zucchine
3 patate
sale qb
burro per ungere
Mescola la farina e il sale, al centro rompi le uova e sbatti tutto.
Aggiungi l’olio, poi il latte e mescola ancora. Unisci le patate e le
zucchine tagliate a julienne.
Sciogli un po’ di burro in una padella antiaderente, versa due
cucchiai di pastella per ogni frittella.
Cuoci i pancakes da entrambi i lati, poi sistemali impilati su un
piatto in attesa di servirli.
 
Salsa
allo yogurt
Versa 1 vasetto di yogurt bianco intero in una ciotola, unisci
1 cucchiaino di olio evo, un pizzico di sale, la scorza
grattugiata di mezzo limone
e, solo per i grandi, una macinata di
pepe.
Amalgama il tutto e servi con le frittelle.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *