Schiacciata di Pasqua

Ormai sono entrata nel mood pasquale, la casa è disseminata di uova decorate e pulcini, sul terrazzo c’è pure un nido che Matteo ha trovato in giardino dai nonni.
Stranamente non abbiamo uova di cioccolato, ma presto sono sicura che arriveranno in gran quantità!
Come dolce, ieri, abbiamo mangiato la Schiacciata di Pasqua.

Curioso che un dolce che ha l’aspetto di un panettone si chiami schiacciata, in realtà ha questo nome perchè per farlo devono essere “schiacciate” parecchie uova.
A Pisa e provincia nel periodo da Quaresima alla Pentecoste si trova un po’ ovunque ed è una sorta di pane dolce aromatizzato con semi di anice, liquore, arancio e limone.
Io l’ho preparata seguendo la ricetta della nonna di mio marito, che da buona pisana la preparava tutti gli anni in questo periodo. Una l’ho anche confezionata con un fiocco e dei fiori di pesco per regalarla ai miei suoceri.

E’ essenziale armarsi di tanta pazienza perchè richiede ore e ore di lievitazione e conviene calcolare bene i tempi se non ci si vuole alzare nel cuore della notte per infornarla!

Con le dosi che vi darò ne vengono tranquillamente tre.

Schiacciata di Pasqua pisana
1.5 kg di farina (io ho usato la manitoba)
60 gr di lievito madre essiccato (oppure 2 cubetti di lievito di birra) 
150 ml di latte intero
150 ml di acqua
7 uova + 1 albume
450 gr di zucchero
110 gr di olio 
50 gr di burro
50 ml di liquore Strega
1 stecca di vaniglia
15 gr di semi di anice
1 arancio (succo e scorza)
1 limone (scorza)
– Impasta 300 gr di farina con il lievito, il latte tiepido e l’acqua. Otterrai un impasto piuttosto molle. Fallo riposare coperto con un canovaccio per 2 ore fuori dalle correnti d’aria.
– Aggiungi 3 uova, 400 gr di farina, 40 gr di olio, 150gr di zucchero e 25 ml di liquore. Fai riposare tre ore ( l’impasto deve raddoppiare di volume).
– Aggiungi altre 2 uova, 400 gr di farina, 40 gr di olio, 150 gr di zucchero,  il succo di arancia e la scorza grattugiata dell’arancio e del limone. Fai lievitare altre 3 ore.
– Aggiungi le ultime 2 uova, 400 gr di farina, 150 gr di zucchero, 30 gr di olio, il burro sciolto, i semini della vaniglia, l’anice e 25 ml di liquore. Fai riposare altre 3 ore.
– Impasta nuovamente il tutto, dividilo in  tre parti e mettile in tre stampi in cartone (quelli per fare i panettoni da mezzo chilo). A questo punto fai lievitare almeno 5 ore (io avevo sono e sono andata a letto facendolo riposare un paio di ore di più ;-)!).
– Cuoci in forno preriscaldato a 180° per 45 minuti.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *